La letterina per Babbo Natale

di Luisella Magera

Conversazione sul mese in corso ed in particolare su Babbo Natale che i bambini, come ogni anno fin dalla scuola dell’infanzia, aspettano a scuola.
Nella conversazione domande o richieste di spiegazione da parte dei bimbi diventano spunti interessanti su cui impostare il lavoro soprattutto visto che quest’anno Babbo Natale non verrà a scuola.
Quindi annotiamo le domande su di un cartellone e formuliamo collettivamente possibili ipotesi di soluzione del problema … “Come fare a chiamare Babbo Natale?”
Tra le varie ipotesi le piu votate dai bambini sono:
  1. Scrivere una lettera.
  2. Scrivere un biglietto di invito.
  3. Scrivere un biglietto di Buon Natale.

Divisi in piccoli gruppi iniziamo l’attività. Decidiamo insieme di scrivere una lettera a Babbo Natale.

Cosa serve per scrivere una lettera? Carta, penna e gomma rispondono i bambini, e ci mettiamo subito all’opera.

I bambini iniziano a ragionare fra loro nei piccoli gruppi in cui sono stati suddivisi precedentemente ed assieme a me ragioniamo su come impostare una lettera.

Una volta scritta la imbustiamo e adesso arriva il momento più importante: bisogna capire come scrivere affinché arrivi a Babbo Natale. Così parlando con i bambini e sentendo le loro idee viene fuori la necessità di riportare sulla busta un mittente ed un destinatario.

Quest’attività permette di riflettere su cosa vuol dire comunicare su come si comunica e sulle varie forme di comunicazione.

______________________________________

ASPETTI NOTATI SULL’INSEGNAMENTO

Lavorare in piccoli gruppi mi ha permesso di:

  1. Ascoltare con maggiore attenzione i singoli bambini dando a ciascuno lo spazio necessario per esprimersi ,
  2. Arricchire il loro vocabolario introducendo termini nuovi ed anche termini più appropriati.
  3. Iniziare ad impostare un lavoro sulla lingua scritta per usi sociali.

ASPETTI NOTATI SULL’APPRENDIMENTO

I bambini lavorando nel piccolo gruppo possono imparare a :

  1. Ascoltarsi
  2. Ascoltare i compagni senza annoiarsi e/o stancarsi grazie al numero ristretto dei componenti del piccolo gruppo,
  3. Cooperare. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *